Cyfroteka.pl

klikaj i czytaj online

Cyfro
Czytomierz
00360 007486 20703249 na godz. na dobę w sumie
Nozioni di grammatica descrittiva della lingua Italiana. Fonetica e fonologia - ebook/pdf
Nozioni di grammatica descrittiva della lingua Italiana. Fonetica e fonologia - ebook/pdf
Autor: , , Liczba stron: 210
Wydawca: Wydawnictwo Uniwersytetu Łódzkiego Język publikacji: polski
ISBN: 978-83-8142-880-4 Data wydania:
Lektor:
Kategoria: ebooki >> nauka języków obcych
Porównaj ceny (książka, ebook (-19%), audiobook).

Questa pubblicazione costituisce un’introduzione ai quesiti fondamentali della fonetica e fonologia italiana e include un uso pratico dell’Alfabeto fonetico internazionale. Nella trattazione si dedica particolare attenzione alla lingua italiana standard. Il materiale comprende informazioni di ordine generale sulla produzione dei suoni linguistici in quanto fenomeni acustici, la presentazione di un sistema di trascrizione dei foni linguistici, un quadro dei fenomeni fonetico-fonologici che si verificano nella lingua parlata e una descrizione dei tratti prosodici come l’accento, la quantità, l’intonazione, il ritmo e altri.

Il libro è stato pensato per venire incontro alle esigenze degli studenti di italianistica e altri lettori che necessitano di un primo strumento introduttivo alla fonetica. Le nozioni fonetiche e fonologiche costituiscono la base e un primo passo allo studio della grammatica della lingua italiana.

Autori

Con questo manuale si intende fornire un quadro esaustivo su aspetti della fonetica e della fonologia italiane, a supporto di studenti e studiosi di italiano, principalmente all’estero. L’approccio adottato nel volume, da una parte, si basa su fonti di autorevoli studiosi, dall’altra, grazie agli esempi, accompagna gli studenti in un percorso in grado di renderli autonomi nella gestione della fonetica e fonologia della lingua italiana.

Dalla recensione della prof.ssa Carla Bagna
(Università per Stranieri di Siena)

Znajdź podobne książki Ostatnio czytane w tej kategorii

Darmowy fragment publikacji:

Mirosława Magajewska – Università di Łódź Istituto di Lingua Polacca per Stranieri presso l’Università di Łódź 90-231 Łódź, ul. Matejki 21/23 Artur Gałkowski – Università di Łódź, Facoltà di Filologia Istituto di Romanistica, Dipartimento di Italianistica, 90-236 Łódź, ul. Pomorska 171/173 Ilario Cola – Università di Łódź, Facoltà di Filologia, Istituto di Romanistica Dipartimento di Traduttologia delle Lingue Romanze, 90-236 Łódź, ul. Pomorska 171/173 RECENSIONE Carla Bagna REDATTORE RESPONSABILE Witold Szczęsny REDAZIONE SCIENTIFICA Artur Gałkowski EDITING E IMPAGINAZIONE Munda – Maciej Torz CORREZIONE TECNICA Leonora Gralka AUTORE DEI DISEGNI Ilario Cola COPERTINA Agencja Reklamowa efectoro.pl La fotografia della copertina: © Depositphotos.com/undrey © Copyright by Authors, Łódź 2020 © Copyright for this edition by Uniwersytet Łódzki, Łódź 2020 Pubblicato dalla Casa Editrice dell’Università di Łódź Prima edizione: W.08352.17.0.S Manuale – Cartelle editoriali 10,5; fogli di stampa 13,125 Chiavi degli esercizi – Cartelle editoriali 1,5; fogli di stampa 2,5 (ISBN – opera completa) ISBN 978-83-8220-337-0 e-ISBN 978-83-8220-338-7 (ISBN – manuale) ISBN 978-83-8142-879-8 e-ISBN 978-83-8142-880-4 (ISBN – chiavi degli esercizi) ISBN 978-83-8220-329-5 e-ISBN 978-83-8220-330-1 Casa Editrice dell’Università di Łódź 90-131 Łódź, ul. Lindleya 8 www.wydawnictwo.uni.lodz.pl e-mail: ksiegarnia@uni.lodz.pl tel. 48 42 665 58 63 INDICE Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . I. Cenni di fonetica e fonologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.1. Che cos’è la fonetica? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2. Che cos’è la fonologia? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . II. Fonetica articolatoria e trascrizione fonetica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.1. Fonetica articolatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2. Grafemi e fonemi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3. Sistemi di scrittura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.4. Alfabeto italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5. Sillaba . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.6. Struttura della sillaba . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.7. Divisione in sillabe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.8. Alfabeto dell’Associazione Fonetica Internazionale (API / IPA) 2.9. Trascrizione fonetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . III. Apparato fonatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.1. Apparato respiratorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.2. Apparato fonatorio (o articolatorio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IV. Sistema vocalico dell’italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1. Vocali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2. Classificazione dei foni vocalici dell’italiano standard . . . . . . . 4.3. Timbro chiuso e aperto delle vocali e, o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4. Semivocali, dittonghi, iato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4.1. Semivocali (o semiconsonanti) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4.2. Dittonghi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4.3. Iato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sistema consonantico dell’italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.1. Classificazione dei foni consonantici dell’italiano . . . . . . . . . . . 5.2. Modi di articolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.1. Occlusivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.2. Semiocclusivi o affricati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.3. Costrittivi o fricativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.4. Nasali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.5. Laterali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.6. Vibranti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.7. Approssimanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . V. 9 13 13 14 17 17 17 18 18 21 21 22 24 25 27 27 28 31 31 33 35 40 40 40 42 43 44 45 46 47 48 50 51 52 53 6 Indice 5.3. Durata fonematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.3.1 Durata fonetica. Consonanti geminate . . . . . . . . . . . . . . 5.3.2. Geminazione all’interno della parola . . . . . . . . . . . . . . . . VI. Fonetica sintattica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.1. Coarticolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.2. Fenomeni fonosintattici nell’ambito del consonantismo . . . . 6.2.1. Raddoppiamento (rafforzamento) fonosintattico . . . . 6.3. Fenomeni fonosintattici nell’ambito del vocalismo . . . . . . . . . 6.3.1. Elisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.3.2. Troncamento (o apocope) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.3.3. Enclitici e proclitici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . VII. Fonologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.1. Rapporto tra fonologia e fonetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2. Fonema e allofono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3. Classificazione delle opposizioni fonologiche . . . . . . . . . . . . . . 7.3.1. Opposizioni fonologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4. Regole fonologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4.1. Tipi di regole fonologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . VIII. Tratti prosodici (o soprasegmentali) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.1. Sillaba (vedi cap. 2.5–2.7) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2. Lunghezza (durata) consonantica (vedi cap. 5.3.1 e 5.3.2) . . . 8.3. Accento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.1. Accento fonico e grafico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.2. Osservazioni aggiuntive sull’uso degli accenti grafici e della fonia delle vocali accentate o non accentate grafi- camente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.3. Funzione distintiva dell’accento in italiano . . . . . . . . . . 8.3.4. Accento mobile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.5. Accento principale e accenti secondari – il gruppo ac- centuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.6. Accenti e tipi di parole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.7. Il gruppo accentuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.4. Ritmo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.5. Pausa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.6. Intonazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Appendice: La pronuncia espressiva. Note di un insegnante madrelingua . . Esercizi di pronuncia e trascrizione fonetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Alfabeto italiano. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sillaba . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Comprensione delle parole nella trascrizione fonetica . . . . . . . . . . . 54 55 56 59 59 61 61 63 63 66 68 71 71 73 77 78 80 81 85 86 86 86 87 94 96 98 98 99 100 101 103 104 107 121 123 124 126 Indice Sistema vocalico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Timbro chiuso e aperto delle vocali e, o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dittongo, trittongo, iato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sistema consonantico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Esercizi per migliorare la pronuncia in italiano. . . . . . . . . . . . . . . . . . . Geminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Geminazione – trascrizione fonetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Trascrizione fonetica delle parole. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Rafforzamento fonosintattico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Trascrizione fonetica delle frasi e del testo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Elisione e apocope . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Allofoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tratti prosodici – accento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Omografi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Parole con diversa sede della parola accentata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Parole bisdrucciole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Clitici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gruppo accentuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Lettura a tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Lettura espressiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Esercizio sugli incisi e sulle citazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Esercizi sulla punteggiatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Lettura dei testi vari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Fiabe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Lettura a più voci. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sitografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 129 131 138 139 142 148 153 155 156 157 159 161 161 164 167 168 173 174 174 178 188 188 190 200 203 209 210 PREFAZIONE Il fenomeno del linguaggio umano è complesso e inesauribile e molti sono gli studi ad esso riferiti, studi che inglobano e accomunano discipline diverse. Nell’ambito dello studio dei suoni la moderna scienza linguistica distingue la ma- teria di ricerca fra fonetica e fonologia. La fonetica studia i suoni del linguaggio nella loro realizzazione concreta, indipendentemente dalla loro funzione lingui- stica, la fonologia, invece, si occupa dei suoni che vengono sistematicamente usa- ti nelle lingue naturali per comunicare significati. La prospettiva scientifica della fonologia è quindi più astratta di quella della fonetica, in quanto i suoni linguistici vengono analizzati soprattutto nel loro aspetto funzionale nel contesto della tra- smissione di messaggi e non nelle loro caratteristiche fisiche. Questo volume costituisce un’introduzione alle questioni fondamentali del- la fonetica e fonologia e include una descrizione funzionale dell’Alfabeto fonetico internazionale (API). Nella trattazione si dedica particolare attenzione alla lingua italiana standard (la lingua neutra), alle sue caratteristiche fonetiche e anche alla sua struttura fonologica. Il materiale raccolto è articolato in quattro parti: la pri- ma – dedicata alla fonetica articolatoria (capitoli II–V), e le altre tre – dedicate alla fonetica sintattica (capitolo VI), alle nozioni basilari di fonologia (capitolo VII) e alla fonetica soprasegmentale (capitolo VIII). I primi quattro capitoli includono informazioni di ordine generale sulla produ- zione dei suoni linguistici in quanto fenomeni acustici prodotti dall’apparato fona- torio di un parlante, una descrizione di quelli dell’italiano neutro e la presentazione di un sistema di trascrizione dei foni linguistici (alfabeto fonetico). Nel capitolo de- dicato alla fonetica sintattica sono stati descritti i fenomeni fonetico-fonologici che si verificano nella lingua parlata al confine della parola. In questo ambito possiamo osservare le possibili modificazioni che intervengono a livello morfologico nella pronuncia dei segmenti iniziali o finali di parole o morfemi. Nella lingua parlata, dato il carattere continuo della catena fonica, le singole parole non si pronunciano distinte e separate le une dalle altre, ma l’una dopo l’altra. I principali fenomeni fonosintattici nell’ambito del consonantismo sono alcuni fenomeni di assimilazio- ne e raddoppiamento e nell’ambito del vocalismo: l’elisione, l’apocope, elementi enclitici e proclitici. I capitoli dedicati alla fonologia (introduzione e capitolo VII) descrivono i fonemi in quanto unità distintive minime, i tratti pertinenti, che op- pongono fra loro i differenti fonemi della stessa lingua, le regole che presiedono alla concatenazione dei fonemi della catena parlata. Il capitolo dedicato alla prosodia propone la descrizione dei tratti soprasegmentali, cioè quegli elementi fonici che 10 Prefazione accompagnano la realizzazione di due o più fonemi, e che insieme hanno una fun- zione distintiva: l’accento, il tono, l’intonazione, la pausa, il ritmo. La parte teorica viene accompagnata da un appendice che consiste di osser- vazioni di un native sulla questione della pronuncia espressiva con particolare rilievo della tipologia di elementi prosodici adoperati dai parlanti in varie situa- zioni comunicative. Nella parte pratica si propongono oltre 100 esercizi che permettono di veri- ficare e approfondire il sapere degli apprendenti su vari problemi della fonetica e fonologia della lingua italiana. Alcune categorie di esempi lessicali che servono per illustrare ed esercitare un dato elemento segmentale o soprasegmentale del- la pronuncia italiana sono provviste di traduzioni in polacco che faciliteranno la concentrazione degli apprendenti sullo scopo principale del problema fonetico da risolvere. Nel ventaglio degli esercizi che esigono un lavoro individuale dello studente o con l’assistenza dell’insegnante si presentano anche una serie di testi caratterizzati da una varietà stilistica e genelogica, i quali servono per la lettura ad alta voce e/o la trascrizione fonetica. Gli esercizi di lettura e trascrizione si posso- no effettuare anche fuori dal contesto didattico in classe. Le risposte della maggioranza degli esercizi della parte pratica si possono tro- vare in un libretto aggiuntivo e pubblicato come supplemento a questo volume. Il manuale è dedicato agli studenti che frequentano gli studi di lingue e lette- rature moderne e, in particolare, l’italianistica, ma può essere utile a tutti coloro che vogliano avvicinarsi alle nozioni basilari della fonetica e fonologia e ai pri- mi elementi della trascrizione fonetica. È stato pensato per venire incontro alle esigenze di studenti che per la prima volta hanno un contatto con le discipline linguistiche, e necessitano di un primo strumento introduttivo alla fonetica. Le nozioni fonetiche e fonologiche costituiscono la base necessaria allo studio della glottologia, delle lingue straniere, delle varie filologie. Speriamo che il contenuto di questo volume serva a tutti gli studenti e che permetta a loro non solo di am- pliare la conoscenza dell’argomento ma anche di mettere in atto ciò che avevano imparato durante il corso di fonetica e fonologia. ABBREVIAZIONI USATE NEL MANUALE ad es. agg. avv. C cap. cogn. cong. congiunt. = modo congiuntivo ad esempio aggettivo avverbio consonante capitolo cognome congiunzione = = = = = = = Prefazione 11 eccetera congiunzioni: e, o = oppure esempio femminile facoltativo imperativo imperfetto indicativo inglese invariabile latino = ecc. = e/o = es. = f. facolt. = imperat. = imperf. = = indic. = ingl. = inv. lat. = = maschile m. = numero n. = nome nom. obb. = obbligatorio = participio part. = pass. = per esempio per es. pers. = persona = personale person. = plurale pl. = presente pres. pron. = pronome = proprio propr. = prossimo pross. = rem. sing. = = sost. = nella trascrizione fonetica indica la pronuncia toscana T. = V verb. = vs = tempo passato remoto singolare sostantivo vocale verbo lat. versus (contro) Nel nostro volume vengono a volte utilizzati negli esempi anche nomi propri e nomi di persona (Roma, Tony, Cuorgnè, ecc.). TRASCRIZIONE FONETICA Nella trascrizione fonetica, che proponiamo, il segno [:] indica la durata maggiore della sillaba che lo precede (cioè quella accentata) rispetto alle restanti sillabe: [fo nɛ←:tika]. Il segno [ ] indica invece che l’accento cade sulla sillaba che lo segue: [fo →nɛ:tika]. I. CENNI DI FONETICA E FONOLOGIA1 1.1. Che cos’è la fonetica? La FONETICA è il ramo della linguistica che studia gli aspetti fisici inerenti alla produzione dei foni (suoni) usati nelle lingue naturali. Essa analizza e classifica i suo- ni del linguaggio nel loro aspetto fisico e fisiologico, senza tener conto della loro capacità di essere impiegati per distinguere parole di diverso significato. Nonostante la vasta quantità di suoni presenti nelle lingue del mondo, non tutti i suoni possibili per l’apparato vocale sono suoni potenzialmente presenti in un sistema linguistico. Compito della fonetica è dunque quello di individuare l’insieme dei suoni utilizzati a fini linguistici nell’ambito delle lingue o di alcune loro varietà (varietà regionali, dialettali, registri ecc.) e, in seguito, di descrivere il modo in cui essi sono prodotti, trasmessi e percepiti dai parlanti. Se per esempio chiediamo a un parlante nativo dell’italiano qual è la com- posizione sonora di una parola come libro, molto probabilmente dirà che que- sta parola contiene cinque suoni, tre consonantici e due vocalici e cioè [l], [i], [b], [r], [o]. Da un punto di vista fisico, invece, la parola libro non ha cinque suoni, per la ragione che non si tratta di suoni discreti, ma di un continuum: dal suono [l] si passa gradualmente al suono [i]; da questo a [b] e così via: ciò che è discreto nella nostra mente non lo è né nell’articolazione (la lingua e la bocca si muovono gradualmente da una posizione ad altra), né nel segnale acustico, né nella percezione. La tipica impressione di un flusso continuo di suoni è par- ticolarmente chiara quando si ascolta una lingua a noi sconosciuta, cioè di cui i suoni non siano presenti nella nostra competenza o, in altri termini, non siano mentalmente reali2. 1 Maggiormente basato su: Beccaria (diretto da) 1996, 309–312; Dardano 1996, 270–271; Dubois et al. 1979, 122; Nespor 1993, 19–20; Prada 2010, 10–12. In diverse sezioni di tutto il libro sono stati consultati anche Francovich Onesti 1974; De Dominicis 1997; Costamagna 1996; Maturi 2006; Todarello 2010; Della Porta 2008; Dal Piai 1994; Romito 2003; Tagliavini e Mioni 1974 nonché varie grammatiche della lingua italiana, per es. Serianni 2002; Dardano e Trifone 1997; Battaglia e Pernicone 1951; Fogarasi 1982; Regula e Jernej 1965; Rohlfs 1966. 2 In modo particolare: Nespor 1993, 20 e segg. 14 La fonetica si divide tradizionalmente in tre branche: ⇒ F O N E T I C A A R T I C O L A T O R I A – che studia il modo in cui i suoni linguistici sono prodotti. Si occupa dell’apparato fonatorio e fornisce criteri utilizzabili per la classificazione dei foni. ⇒ F O N E T I C A A C U S T I C A – che studia delle caratteristiche fisiche dei suoni linguistici. Analizza le caratteristiche acustiche delle onde sonore pro- dotte durante l’articolazione dei suoni linguistici con strumenti da laboratorio. ⇒ F O N E T I C A P E R C E T T I V A (o  U D I T I V A) – che studia il modo in cui i suoni linguistici sono percepiti e distinti tra di loro da parte dell’ascoltatore. Si occupa dell’anatomia e della fisiologia degli organi uditivi. Questi tre punti di vista – articolatorio, acustico e percettivo – costituiscono tre prospettive distinte attraverso cui un suono può essere studiato nel suo aspet- to fisico. Concentrandosi sull’aspetto fisico del suono, la fonetica si distingue per- ciò dalla fonologia. 1.2. Che cos’è la fonologia? ⇒ La FONOLOGIA (o FONEMATICA) è il ramo della linguistica che si occupa dei suoni che vengono sistematicamente usati nelle lingue naturali per comunicare significati (la funzione del suono). Essa studia i suoni del linguaggio in quanto ele- menti del sistema linguistico (fonemi). Detto altrimenti, la fonologia studia la competenza fonologica che un parlante ha della propria lingua materna, cioè di quel sistema che viene svi- luppato nei primi anni della vita di un essere umano e in cui viene stabilita una differenza tra suoni che distinguono significati e suoni che non li distin- guono. La fonologia s’interessa quindi dei suoni distintivi di una lingua, di quei suoni cioè al cui cambiamento corrisponde un cambiamento di signifi- cato (come per esempio nella serie detto, metto, petto, retto, tetto). Tali uni- tà distintive sono costituite appunto da fonemi (suoni linguistici di base che servono per costruire parole di significato diverso). La fonologia cerca quindi di scoprire: ⇒ quali sono i fonemi di una lingua, ⇒ come si combinano i suoni di una lingua, ⇒ come i suoni si modificano in combinazioni. Se esaminiamo ora la consonante iniziale della parola detto osserviamo che le pa- role metto, petto, retto e tetto si distinguono tra loro e rispetto alla parola detto solo per la diversa consonante iniziale. Possiamo quindi dire che /m/, /p/, /r/, Nozioni di grammatica descrittiva della lingua italiana... I. Cenni di fonetica e fonologia 15 /t/ e /d/ sono le unità fonologiche minime dell’italiano, ciascuna dotata di valore distintivo e oppositivo a tutte le altre. Si chiama tratto distintivo3 un tratto fonetico che distingue due fonemi che sono termini di un’opposizione (per esempio nelle parole metto e petto). In que- sto caso il tratto distintivo è [sonoro/sordo] perché basta da solo a distinguere i significati di due parole. Questa coppia di parole si chiama coppia minima, cioè una coppia di parole che hanno un significato differente e il cui significante diffe- risce soltanto per un fonema, come in italiano le parole dare e fare. Le coppie minime hanno: ⇒ rendimento funzionale alto – possiamo formare molte coppie minime, per es., p – b: bacato (bacare) – pacato (pacare) banca – panca barare (da baro) – parare baia – paia (pl. da paio) banda – panda bacione (da bacio) – pacione (da pace) ⇒ rendimento funzionale basso – possiamo formare poche coppie minime, per es. [ts] e [ʥ] oppure [ j ] e [ i ]: [ts] vs [ʥ] [ j ] vs [ i ] razza [ rats:tsa] ‘con il significato di specie’ alleviamo [alle vja:mo] allevare razza [ raʥ:ʥa] ‘nome comune del pesce del genere Manta; raggio di una ruota’ alleviamo [allevi a:mo] alleviare I tratti distintivi sono unità inferiori al fonema: possono essere individua- ti tramite un’analisi del fonema per commutazione (i  fonemi si identificano mediante la prova di commutazione4). Allo scambio di fonemi può corrispon- dere l’annullamento del significato (per esempio adno*5 è un seguito di suoni che in italiano non significa niente) oppure un mutamento di significato, per esempio nella serie: detto, metto, petto, retto e tetto. I fonemi possono compa- rire nella catena parlata solo se si combinano simultaneamente ad altri. Tut- ti i tratti distintivi utilizzati dalla lingua non intervengono necessariamente 3 Tratti – proprietà articolatorie in cui possono essere scomposti i segmenti. I tratti specificano i movimenti articolatori necessari per produrre un determinato segmento. 4 Prova di commutazione – in fonologia, sostituzione di un segmento ad un altro, impiegata come strumento per la dimostrazione delle opposizioni fonematiche e  la conseguente identificazione delle unità del sistema fonologico (Beccaria 1996, 152). 5 In questo caso l’asterisco indica una forma inesistente. 16 nella definizione di ogni fonema e  possono assumere solo una funzione di tratto pertinente. Il tratto pertinente è la caratteristica fonica, la cui presenza o assenza nella realizzazione di un fonema provoca un mutamento di signifi- cato e permette di distinguere un’unità di significato da un’altra. L’ottica della fonologia è dunque più astratta di quella della fonetica, in quanto i suoni lin- guistici vengono analizzati soprattutto nel loro aspetto funzionale e non nelle loro caratteristiche fisiche. Nozioni di grammatica descrittiva della lingua italiana... II. FONETICA ARTICOLATORIA E TRASCRIZIONE FONETICA 2.1. Fonetica articolatoria In questo manuale adotteremo il punto di vista della fonetica articolatoria, su cui si basa anche la classificazione dei foni e non approfondiremo nozioni, metodi e tecniche di analisi adoperate dalla fonetica acustica e/o quella percettiva. La fonetica studia i suoni del linguaggio nella loro realizzazione concreta, indipendentemente dalla loro funzione linguistica. “Una caratteristica specifica della fonetica è la completa esclusione di qualsiasi rapporto col significato lingui- stico dei complessi fonici esaminati. Così la fonetica può essere definita come la scienza del lato materiale (dei suoni) del linguaggio umano”1. La fonetica articolatoria studia i movimenti degli organi fonatori al momento dell’emissione del messaggio mediante le vibrazioni dell’aria e il modo in cui esso colpisce l’orecchio del ricevente. I  foni sono quindi fenomeni acustici prodotti dall’apparato fonatorio di un parlante, trasmessi per mezzo di onde sonore attraver- so l’aria e infine ricevuti dall’apparato uditivo di un ascoltatore e da questo trasmessi al cervello. “L’apparato fonatorio umano è in grado di produrre una grande quantità di suoni diversi, ma solo alcuni di essi sono funzionali alla comunicazione verbale: si tratta dei suoni linguistici. Altri suoni possono essere usati all’interno di una rela- zione comunicativa ma non avere caratteristiche linguistiche (si pensi al significato di un grido di dolore). In alcuni casi i suoni prodotti dall’apparato fonatorio mesco- lano caratteristiche funzionali alla comunicazione verbale e altre che hanno impor- tanza più genericamente comunicativa o pragmatica” (Prada 2010, 8). 2.2. Grafemi e fonemi I fonemi vengono rappresentati nella scrittura per mezzo di segni grafici o gra- femi. In teoria ci dovrebbe essere una corrispondenza perfetta cioè biunivoca (line- are, invariata) tra segni del sistema ortografico e suoni del sistema fonologico (tra grafemi e fonemi) nel senso che ogni segno dovrebbe rappresentare costantemente un solo suono, e ogni suono dovrebbe essere costantemente rappresentato da un 1 Citazione tratta da Dubois et al. 1979, 122 (sulla base di Troubetzkoy 1939). 18 solo segno. In italiano, come in altre lingue, non esiste un’assoluta corrispondenza tra suoni e segni. Nell’uso scientifico, per ovviare a questo inconveniente, si è soliti trascrivere le pronunce servendosi di alfabeti fonetici appositamente concepiti per realizzare un rapporto di corrispondenza biunivoca tra segni grafici e foni. Il più diffuso di tali sistemi è quello fissato dall’Alfabeto fonetico internazionale (API). 2.3. Sistemi di scrittura L’alfabeto è l’insieme dei segni grafici con i quali s’indicano i fonemi di una determinata lingua. I sistemi alfabetici costituiscono un tentativo di rendere grafi- camente i foni delle varie lingue. La scrittura è la rappresentazione grafica del lin- guaggio (e del pensiero) dell’uomo; essa, come tale, è un mezzo di comunicazione. La scrittura alfabetica deve essere distinta da quella pittorica (o ideografica), in cui ciascun segno (pittogramma o ideogramma) è simbolo di una cosa, di un’azione, di un’idea. I pittogrammi raffigurano il significato, senza alcun legame con il suono delle parole. Questo sistema trasmette solo immagini e poiché ad ogni oggetto cor- risponde un’immagine, la sua complessità diventa evidente. Gli ideogrammi, invece, non rappresentavano soltanto l’immagine, ma ne suggerivano l’idea, riuscendo così ad illustrare anche dei concetti astratti: ad esempio un piede indicava l’azione di camminare, lo stare in piedi, il trasportare. “Il mondo antico ha conosciuto diversi sistemi di scrittura: molto in generale si può parlare di un’evoluzione dalla primitiva fase pittografica, attraverso sistemi misti, nei quali accanto agli ideogrammi si trova- no segni con valore fonetico, come nella scrittura geroglifica degli antichi Egizi, fino a sistemi sillabici, dove ciascun segno rappresenta non un solo suono ma un’intera sillaba cuneiforme degli Assiro-babilonesi. Dal sistema sillabico si è quindi passati a un sistema alfabetico puro” (Dardano e Trifone 1997, 607). 2.4. Alfabeto italiano Le lettere dell’alfabeto italiano sono ventuno più sette digrammi e due trigrammi e possono scriversi con caratteri maiuscoli o minuscoli. Con questi grafemi si otten- gono infinite combinazioni, tutte le parole di una lingua, anche quelle nuove e arcai- che, neoformazioni e arcaismi, tranne alcuni prestiti e citazioni che devono rispettare l’ortografia della lingua d’origine, se non sono stati ancora adattati all’italiano. Di seguito si vedano le lettere dell’alfabeto italiano, i loro nomi ed esempi illustrativi. Nome Lettera a, A b, B a bi 1. 2. abete, girasole bandiera Esempio Nozioni di grammatica descrittiva della lingua italiana... II. Fonetica articolatoria e trascrizione fonetica 19 Lettera c, C d, D e, E f, F g, G h, H i, I l, L m, M n, N o, O p, P q, Q r, R s, S t, T u, U v, V z, Z Nome ci /ce [ʧ] [k] di e effe ge/gi [ʤ] g [g] acca i elle emme enne o pi qu erre esse ti u vu / vi zeta 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. Esempio cenare, cipresso, bacio cavolo, cosa, incubo, chiesa, che dito, dono balena, denaro fiamma, fiore gente, giallo, giacca gallo, toga, gufo, ghiotto, ghepardo macchia, ghetto, eh! italiano, formica libro, lotta mela, mamma nome, notte poco, otto penna, paura quadro, quanto Roma, rana, teatro vestito, cassa tavolo, tana uno, undici vento, viso stazione, zinco I nomi delle lettere dell’alfabeto italiano sono solitamente di genere femminile: la a, la effe, la zeta, ecc., per analogia con i termini generali «vocale» e «conso- nante», che sono di genere femminile. Altre cinque lettere vengono usate per rappresentare voci straniere: j, J k, K w, W x, X y, Y [i l lunga] [kappa] [doppja vu / vu doppja] [iks] [ ipsilɔn / ig grɛka] jogurt, jazz, jokey kimono, killer week-end, whisky taxi, xenofobia, xilofono Tony, yacht L’italiano possiede un’ortografia quasi completamente funzionale. Va osser- vato tuttavia che in questa scrittura non esiste corrispondenza perfetta fra suo- ni e segni. Le maggiori incertezze dell’alfabeto italiano riguardano quei grafemi o insiemi di due grafemi, come e, o, c, g, s, z, sc, gl, che possono rappresentare suoni originariamente estranei al latino. 20 FONI vs GRAFEMI a) Combinazione di grafemi per un solo fono Digramma (dal greco di- ‘due volte’ e gramma ‘lettera’) è l’insieme di due gra- femi indicante un unico fono. In italiano esistono sette digrammi (gl, gn, sc, ch, gh, ci/ce, gi/ge) e due trigrammi (gli, sci). c C (+ e, i) ch, CH gh, GH g, G (+ e, i) gl, GL (+ i) gn, GN sc SC (+ e, i) Digrammi Esempio cella, cena, cinema, civico chiodo, chemioterapia ghiro, ghisa gesto, gettone, giro, gioia conigli, fogli gnomo, gnocco, legno scelgo, scendere, scimmia, scippo Trigrammi gli, GLI (+ a, e, o) sci, SCI (+ a, o, u) migliaio, moglie, germoglio sciabola, sciolto, sciupare 22*. 23. 24. 25. 26. 27. 28. 29. 30. *  Il numero 22 perché alle ventuno lettere, illustrate precedentemente, aggiungiamo i sette digrammi e i due trigrammi che costituiscono l’inventario alfabetico della lingua italiana. b) Un grafema per due foni diversi In italiano le coppie di fonemi consonantici /s, z/, /ts, ʣ/ o vocalici /e, ɛ/ ed /o, ɔ/ hanno ciascuna un solo grafema, rispettivamente, s, z, e, o. Nella scrittu- ra abbiamo quindi quattro grafemi indicanti otto fonemi e, rispettivamente, otto foni. Nella scrittura le vocali e, o aperte (o larghe) si segnano con l’accento grave: è, caffè, potrò, e le vocali e, o chiuse (o strette), invece, con l’accento acuto: perché, poiché, né, ecc. grafema fonema fono esempio s z e / z / [ z ] / s / [ s ] strano sberla / ʦ / [ ʦ ] pizza / ʥ / [ ʥ ] azoto / ɛ / [ ɛ ] pesca / e / [ e ] pesca / ɔ / [ ɔ ] botte o / o / [ o ] botte Nozioni di grammatica descrittiva della lingua italiana...
Pobierz darmowy fragment (pdf)

Gdzie kupić całą publikację:

Nozioni di grammatica descrittiva della lingua Italiana. Fonetica e fonologia
Autor:
, ,

Opinie na temat publikacji:


Inne popularne pozycje z tej kategorii:


Czytaj również:


Prowadzisz stronę lub blog? Wstaw link do fragmentu tej książki i współpracuj z Cyfroteką: